Lavaggi nasali per bambini e adulti: quando e come farli

Salute
22 ottobre 2015
di

Con l’arrivo delle stagioni fredde e con i primi sensibili sbalzi di temperatura, è più facile incorrere in malanni come raffreddore e febbre. Siamo in autunno inoltrato e molti di voi ci hanno chiesto come curare malattie da raffreddamento senza farmaci, abbiamo deciso di dedicare un articolo ai lavaggi nasali, fondamentali per prevenire l’insorgere di eventuali infezioni. Dovete sapere, infatti, che la pulizia delle cavità nasali è molto importante per la prevenzione e la cura del raffreddore ed esistono diverse tecniche, tra cui l’aerosolterapia, per effettuare il lavaggio del naso: una corretta igiene nasale, infatti, è utile a liberare le cavità dal muco nasale, un portatore insano – consentiteci il gioco di parole – di germi e allergeni.

I lavaggi nasali, sia per i bambini che per gli adulti, rappresentano una ottima soluzione non solo per guarire dal raffreddore, ma anche per la prevenzione di patologie causate dalle malattie da raffreddamento in genere, come ad esempio le infiammazioni delle basse vie respiratorie. Il vantaggio di questa terapia è che si può fare direttamente a casa, grazie ad apparecchi per aerosolterapia e lavaggio nasale.

Come si fanno i lavaggi nasali

Vediamo come si fanno i lavaggi nasali nei bambini e negli adulti e quali sono i metodi più utilizzati per liberare il naso dal muco nasale.

I lavaggi nasali nei bambini

Il naso dei bambini è estremamente sensibile ed è per questo motivo che le tecniche utilizzate per la pulizia del naso nei più piccoli devono essere molto delicate.

Pensiamo, come tanti altri esperti, che il lavaggio nasale nei bambini debba essere frequente, dato che avere il naso libero significa - soprattutto per i neonati - respirare bene e dormire meglio: il lavaggio, infatti, può essere eseguito anche quando il bambino non è raffreddato, effettuando uno o due lavaggi al giorno.

Pulire il naso ostruito di un neonato significa, inoltre, consentirgli una poppata migliore.

Il lavaggio nasale deve essere effettuato con soluzione fisiologica (o soluzione ipertonica in caso di raffreddore già in corso o naso particolarmente otturato) e tramite siringa, spray nasale (per i bambini è sempre meglio assicurarsi che gli erogatori abbiano un getto delicato) o microdoccia nasale.

Per raffreddori particolarmente insistenti, i bambini possono essere anche sottoposti ad aerosolterapia con apparecchi per aerosol dotati di particolari accessori per i più piccoli.

Indipendentemente dal tipo di lavaggio utilizzato, comunque, la tecnica più efficace per questo tipo di pratica consiste nell’eseguire alcune facili azioni, che riportiamo di seguito:

  1. prima di tutto, occorre stendere il bambino sul letto o comunque su una superficie morbida;
  2. subito dopo, la testa del bambino va inclinata da un lato, evitando di spingerla all’indietro;
  3. fatto ciò, si deve introdurre - con delicatezza - la punta della siringa o del flacone nella narice opposta al lato verso cui è stata declinata la testa del bambino;
  4. una volta introdotto il flacone, spruzzare la soluzione lentamente ma senza esitazione;
  5. ripetere lo stesso procedimento declinando la testa del bambino verso il lato opposto rispetto a quello precedente.

Se il lavaggio viene eseguito correttamente, il liquido uscirà dalla narice opposta.

Insomma, si tratta di un rimedio estremamente utile nella prevenzione delle infezioni respiratorie, che va abbinato ad alcuni accorgimenti per aiutare i bambini a respirare meglio, soprattutto quando sono raffreddati: umidificare gli ambienti in cui solitamente si trovano i bambini e farli bere con frequenza rende meno denso il muco nasale e ne favorisce l’espulsione.

 

 

I lavaggi nasali negli adulti.

Per quanto riguarda gli adulti, le soluzioni sono più flessibili e non rigide come per i bambini. È consigliabile, comunque, utilizzare erogatori di soluzione fisiologica spray o strumenti come la microdoccia nasale.

La soluzione fisiologica va benissimo per la pulizia quotidiana e per effettuare lavaggi nasali preventivi alle infezioni. In presenza di muco in eccesso, però, si consiglia l’utilizzo della microdoccia: questo strumento, infatti, consente una pulizia più efficace e accurata delle cavità nasali. Si collega generalmente a un apparecchio per aerosol, per nebulizzare con velocità e in modo efficace la soluzione fisiologica direttamente nelle narici: la nebulizzazione effettuata con la microdoccia favorisce l'idratazione e la fluidificazione del muco e del catarro e ne favorisce la rimozione.

Per concludere

I lavaggi nasali nei bambini e negli adulti sono sempre consigliati, anche su persone in perfetta salute: i benefici riscontrabili sono molteplici, soprattutto per le vie respiratorie.

Per domande, consigli e dubbi sui lavaggi nasali e sull’utilizzo di apparecchi per aerosolterapia sui bambini non esitate a contattarci: la dott.ssa Paola Silipo saprà darvi le informazioni di cui avete bisogno.

Torna all'archivio